Nessun commento

Affissioni: propaganda contro il consumo di carne

L’Italia è un paese ricco di tradizioni, molte di queste riescono addirittura a cambiare del tutto i comportamenti e gli stili di vita delle persone, uniformandoli per poche ore o per periodi interi. Un esempio è indubbiamente la Pasqua! La tradizione sostiene che nel giorno di Pasqua il piatto che non può mancare è L’AGNELLO, infatti per le famiglie legate alle tradizioni questa portata ogni anno è d’obbligo!

Dall’altra parte esistono una miriade di consumatori che sono contro questa tradizione, e lo dimostrano con manifestazioni e promozioni pubblicitarie di vario genere con l’obiettivo di porre fine all’innocente massacro che ogni anno si ripete in questo particolare periodo. Nell’articolo che segue parleremo delle affissioni pubblicitarie che sono state create e diffuse per combattere questa spigolosa tematica.

 


 

E’ davvero curioso sapere che diversi componenti delle famiglie legate al consumo di agnello non amano nemmeno il sapore del piatto (sapore particolare), ma che solo per la tradizione e per rientrare nelle usanze assaggiano un boccone del povero animale.

 

A tal proposito le manifestazioni sono molte e il dissenso delle associazioni che vanno contro il massacro è davvero notevole, tanto che molte di esse cominciano a strutturare le campagne di lotta anche diverso tempo prima grazie alla creazione di fortissime ed efficaci affissioni outdoor, generando vere e proprie forme di propaganda professionale e allo stesso tempo sconcertante!

 

 

AFFISSIONI CONTRO IL CONSUMO DI AGNELLO

 

L’immagine che notate alla vocampagna di affissioni di forte impattostra sinistra ha suscitato un grandissimo scalpore.

Nella confezione troviamo un neonato al posto della solita porzione di carne di diversi generi animali. Vedere questo messaggio promozionale colpisce profondamente, perché nell’immaginario collettivo i bambini sono piccoli e indifesi quindi intoccabili.

E se al posto del neonato ci fosse un piccolo animale?

Lo scopo di questa pubblicità è proprio quello di colpire le persone in principio “alla pancia emotiva” e poi successivamente inibire il loro lato carnale, tanto da indurli a non consumare carne.

Mettendo all’interno della scatola il corpo di un bambino si cerca di creare un paragone tra il neonato indifeso e l’agnello altrettanto debole quanto il cucciolo di uomo.

MANIFESTO EFFETTUATO DALL’ASSOCIAZIONE “PUBBLICITA’ ANTISPECISTA

 

 

Nel secondo manifesto notiamo che il messaggio è meno generico del precedente e punta direttamente all’attacco contro la tipica mattanza del periodo Pasquale.

Questa affissione ha lo scopo di porre Esempio di affissioni contro l'abbattimento di animalia tutti noi una domanda logica e lecita: “Perché amare uno e mangiare l’altro?

Sfido chiunque a dare una risposta sensata a questa domanda, infatti molta gente che a Pasqua consuma l’agnello allo stesso tempo ama, difende e cura i propri animali domestici.

L’obiettivo è proprio quello di portare l’agnello allo stesso livello dell’animale domestico, in modo da eliminare le differenze e sviluppare nel consumatore un senso di colpa tale da cambiare atteggiamento ed evitare il consumo di carne.

 

MANIFESTO EFFETTUATO DALL’ASSOCIAZIONE “ANIMAL AMNESTY

 

 

 

Ci teniamo a precisare che Affissioni.it non vuole assolutamente criticare la scelta di soggetti che preferiscono consumare carne, ma la nostra è solo una semplice ed attenta analisi fatta sulla pubblicità in merito a tale tema.

La pubblicità è spesso legata a fatti e tendenze collettive, pertanto è necessario ed utile focalizzare l’attenzione anche su questo fenomeno, che prima di tutto è un fatto sociale e di riflesso diventa anche una manifestazione pubblicitaria.

Festeggiate la vera pace, quella tra le specie che abitano la nostra amata TERRA!

Buona Pasqua a tutti dal team di  Affissioni.it.

 


 

Se l’articolo è stato di vostro gradimento commentate e condividete!

Inoltre noi di Affissioni.it abbiamo creato per voi carissimi lettori, un video esplicativo per spiegare in modo facile l’argomento affrontato precedentemente.

Buona visione!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta questo articolo