Nessun commento

Affissioni 95 Tesi: Le Prime affissioni clamorose.

Le affissioni che oggi troviamo per strada sono mezzi di comunicazione pubblicitaria in grado di portare clienti e scalpore… Ma il primo scandalo delle affissioni quando c’è stato?

La riforma protestante: I primi passi

Nel 1517 il frate agostiniano Martin Lutero affisse al portone della famosa chiesa di Wittenberg un’elenco composto da 95 tesi in cui il frate agostiniano afferma che la chiesa cristiana stava commettendo degli atti ignobili, mi riferisco alla vendita delle indulgenze e si scontra contro le vite sfarzose dei Papi.

Questa affermazione fece così tanto scalpore che ancora oggi ne parliamo e possiamo affermare senza problemi che quella fu la a prima affissione che uscì dalla quotidianità ed entrò nella storia.


 

Affissione delle 95 Tesi Affissione delle 95 tesi

Martin Lutero era un monaco agostiniano dedito a Dio e alla chiesa, egli fu il fondatore del nota Riforma Luterana.

Il movimento che si scontrava con le pecche carnali della fede cristiana, nacque intorno al 1517 e diventò famoso per l’atto coraggioso che Lutero attuò, affiggendo le 95 Tesi che scrisse personalmente alla chiesa di Wittemberg.
Le Tesi erano molto rigide e potevano essere racchiuse tutte in Tre principi fondamentali:

  1. Il Libero Esame;
  2. Il Sacerdozio Universale;
  3. Salvezza che dipende solo dalla fede;

Allora le Affissioni sono uno strumento valido?

Le Affissioni resero molto famoso il monaco, che fu l’iniziatore di un movimento di fede che oggi ha preso piede in tutto il mondo.

Questo è un esempio concreto di quanto un strumento banale come l’affissione può rendere così tanta gloria.

Infatti si potrebbe tranquillamente affermare che, se fatta con criterio e con idee innovative l’affissione pubblicitaria non può che essere uno strumento vincente.

 


 

Se l’articolo è stato di vostro gradimento commentate e condividete l’articolo!

Inoltre noi di Affissioni.it abbiamo creato per voi carissimi lettori un video esplicativo che potrà farvi capire concretamente l’articolo che trovate precedentemente.

Quindi non ci resta che augurarvi buona lettura e buona visione!

 

 

 

 

Save