11 commenti

Manifesti 6×3: Le 3 fasi da sapere

La pubblicità di oggi ha una fama smisurata rispetto a quella del passato, attualmente le città sono sempre più vissute e gli spostamenti da un luogo all’altro sono più frequenti

per diversi motivi: di lavoro, personali, per cercare opportunità o per vacanze.

Grazie a questo cambiamento nell’ideologia cittadina, la pubblicità ha potuto svilupparsi, mutare le sue forme, le sue dinamiche diventando sempre più efficiente agli occhi e al giudizio del cittadino.

Nell’articolo che segue affronteremo in modo approfondito come sviluppare e creare un Poster 6×3, che quotidianamente è presente per le strade cittadine, e che oramai vanta una fama illustre ed efficace nel mondo pubblicitario.

 


 

Manifesti 6×3: La fase della Creazione

 

La domanda più frequente che ci si pone quando si parla di un manifesto 6×3 è: Ma quale programma grafico possiamo utilizzare?

Molti grafici che lavorano da anni nel campo affermano che i programmi migliori per realizzare un manifesto di queste dimensioni sono:

  • InDesign: E’ un programma professionale per la stampa e l’impaginazione, fa parte del pacchetto Adobe in cui sono inclusi (Photoshop e Illustrator);
  • QuarkxPress: E’ un’applicazione che consente la creazione e l’impaginazione di messaggi pubblicitari, la sua prima versione è stata sviluppata nel 1987.

I due programmi sono utilizzati da professionisti e sono specifici per questo tipo di lavoro, infatti sono i più utilizzati. Il documento dev’essere salvato in scala 1:10 e con 300 dpi. I DPI (dots per inch) sono i punti presenti in una linea lungo un pollice, e stabiliscono l’unità di misura della stampa.

Nel progetto è necessario comprendere che:

  • L’immagine dev’essere incisiva: il visual arriva al cervello prima del testo, e quindi bisogna prestare molta attenzione nella creazione e scelta dell’ immagine;
  • Pochi elementi: Il 6×3 è un messaggio che viene visualizzato molto velocemente dal consumatore, quindi è necessario crearlo con pochi elementi e ben posizionati.

 

Manifesti 6×3: La fase di Stampa

 

La stampa del manifesto avviene tramite diverse tecniche, infatti ci sono esperti che sono specializzati nelle più particolati forme di stampa del manifesto.

In questo articolo parleremo di una delle più famose tecniche di stampa, che si avvale di un mezzo conosciutissimo e utilizzato in grande scala: Il Plotter.

Il Plotter è un dispositivo specializzato nella stampa dei manifesti di grande formato, esistono varie tipologie di plotter e possiamo elencarne diverse come ad esempio il Plotter a Penna, oppure a getto d’inchiostro, ma uno dei più famosi è quello a Stampa & Taglio a getto d’inchiostro.

La tecnica di stampa più utilizzata è la quadricromia o anche chiamata stampa CMYK, che utilizza il Ciano, Magenta,Giallo ed il Nero per realizzare una vasta gamma di colori.

 

Antichi caratteri di stampaManifesti 6×3: La fase dell’installazione

 

Quando vediamo i poster 6×3 all’ingresso delle città o anche in pieno centro industriale notiamo le sue grandi dimensioni, e spesso ci chiediamo: ma come vengono installati? Cercheremo di rispondere a questa domanda di seguito.

Innanzitutto bisogna specificare che il manifesto che vediamo in città non viene stampato integralmente, ma viene diviso in diversi segmenti, uniti poi dall’addetto all’affissione.

Il primo passo è creare la colla, che non dev’essere troppa perché altrimenti rischierebbe di ammorbidire il manifesto fino a farlo strappare , ma nemmeno poca, perché il messaggio col tempo a causa delle intemperie potrebbe staccarsi. La quantità giusta bisogna conoscerla attraverso l’esperienza nel settore.

Dopo aver creato la colla bisogna farla riposare tra i 20 e i 40 min. per poi utilizzarla attraverso una scopa per incollare saldamente i segmenti all’impianto. I segmenti dopo la stampa vengono arrotolati dall’alto verso il basso per facilitare la collocazione sull’impianto, che avviene dal basso verso l’altro grazie ad una scopa specifica.

 

CURIOSITÀ: Se sull’impianto sono collocati messaggio precedenti bisogna utilizzare più colla per compensare l’assorbimento.

 

Nell’articolo viene spiegato in modo semplice e diretto tutto il percorso che deve fare il manifesto 6×3 per raggiungere gli impianti che ogni giorno notiamo per strade, e che ci spingono ad acquistare il prodotto o marchio pubblicizzato.

 


 

Se l’articolo è stato di vostro gradimento commentate e condividete !

Noi di Affissioni.it abbiamo creato per voi carissimi lettori, un video esplicativo che potrà farvi capire concretamente le informazioni sopra suggerite.

Quindi non ci resta che augurarvi buona lettura e buona visione!